Cadaveria – Legami di sangue

Cadaveria è una persona determinata e sicura dei propri mezzi, non a caso la sua band è una delle creature più originali del panorama metal italiano. A margine dell’intervista promozionale del nuovo album “In Your Blood” , Cadaveria ci ha regalato in anteprima le foto del backstage del nuovo video “Anagram”. Se il buongiorno si vede dal mattino… non ci sono dubbi che si tratterà di una clip entusiasmante! Giudicate con i vostro occhi…

“In Your Blood” è nei negozi da qualche mese, ti va di fare un primo bilancio?
Siamo assolutamente soddisfatti sia del CD in sé e quindi della produzione, sia del lavoro svolto dall’etichetta. Il lavoro è distribuito in maniera capillare e davvero possiamo dire che si trovi “nei negozi”. Questo non ci fa sentire arrivati e certamente non cambia le sorti dei Cadaveria, che continuano ad essere un gruppo underground, ma sicuramente si aggiunge alla lista di soddisfazioni che ho avuto con questo gruppo, dal 2001, anno della sua fondazione, fino ad oggi. I buoni responsi giungono un po’ da tutto il mondo e riguardano non solo l’album “In Your Blood” ma anche il video “The Dream”, che risulta essere il più visto tra i video uploadati su YouTube da Season of Mist negli ultimi cinque mesi.

Ritieni che con questo disco ti sia allontanata di un’ulteriore passo dalla conformità?
A livello interiore sicuramente si, nel senso che l’album è stato concepito in assoluta libertà, senza preoccuparsi di rientrare o meno nel black metal o nel filone death. Anche l’immagine che ho proposto di me è anticonformista e va letta come una provocazione, volta a slegare la musica estrema dal solito look total black. Del resto ormai nel metal si è visto e ascoltato (quasi) di tutto, quindi dal mio punto di vista ben venga ogni tanto una controtendenza. Musicalmente credo che “In Your Blood” segni una ulteriore evoluzione del nostro stile, ma ritengo comunque che il marchio Cadaveria sia sempre ben riconoscibile. L’album è un alternarsi di aggressività e melodia e va ascoltato nelle sua interezza, perché ognuna delle dodici canzoni ha una sua individualità e personalità. Quindi a coloro che credono che ci siamo ammorbiditi, perché hanno ascoltato solo il singolo “The Dream”, dico di comprare il disco e ascoltare anche le altre undici.

Il prossimo passo in che direzione sarà?
Non posso deciderlo a tavolino. Ho già qualche nuovo riff pronto e qualche appunto per i nuovi testi, ma nessuno può dire come questi elementi verranno manipolati o stravolti quando ci ritroveremo in sala prove per comporre. Ogni giorno che passa, ogni giorno che vivo, lascia qualcosa su di me e in me. Io mi modifico continuamente e non posso dire in quale mood sarò quando mi accingerò a creare un nuovo album. Senza dubbio le nuove esperienze che avrò fatto fino ad allora influenzeranno la mia musica e convergeranno in una nuova miscela di sentimenti e violenza e saranno arricchite dall’apporto emotivo e artistico degli altri componenti del gruppo.

Ma come nasce un vostro disco?
I testi nascono dall’elaborazione di storie, frasi e pensieri che ho appuntato nei mesi precedenti alla realizzazione dell’album. In realtà io scrivo molto di ciò che mi colpisce, quindi ho un copioso bacino di risorse liriche cui attingere, come dei semilavorati che all’occasione posso trasformare in testi. Anche i film che vedo e i libri che leggo talvolta mi danno ispirazione. La musica nasce in parte da me, attraverso delle registrazioni su nastro che effettuo in autonomia e che poi propongo agli altri, in parte da Frank, Marcelo e Killer Bob. Le melodie che ho in testa si possono trasformare in riff di chitarra oppure possono svilupparsi in melodie vocali. Lo stesso dicasi per le idee degli altri membri della band. Così nasce l’ossatura dei brani, che man mano acquistano spessore attraverso la definizione dei giri, degli assoli, dei cori, degli arrangiamenti, ecc. Al disco si arriva attraverso una pre-produzione, diversi ascolti e diversi ritocchi. Abbiamo la fortuna di avere uno studio a disposizione, quindi ci prendiamo sempre il tempo necessario per aggiungere, togliere, perfezionare.

Sei soddisfatta degli album precedenti?
Certamente. Di solito quando finisco un album lo ascolto per qualche settimana poi passo ad altro. Quando riprendo in mano uno dei precedenti CD mi ritrovo sempre piacevolmente in quello che abbiamo fatto. Del resto cerchiamo di curare sempre tutti i dettagli, dal suono all’artwork, con il massimo scrupolo, per cui tutto ciò che di nostro è uscito meglio non poteva essere fatto. Va da sé che ogni volta che risenti un tuo prodotto col senno di poi magari cambieresti qualcosina, ma questo non modifica il giudizio positivo che ho sugli album che abbiamo realizzato.

Ti va di fare una disamina album per album?
E’ difficile riassumere mesi e anni di lavoro in poche righe… lascio ai giornalisti le descrizioni puntuali delle nostre produzioni e agli ascoltatori il piacere di trarre dalla nostra musica le sensazioni che desiderano. Ogni album è lo specchio di ciò che sono i Cadaveria, musicalmente e concettualmente. La musica va ascoltata più che descritta e i testi sono a disposizione di tutti sul nostro sito per chi vuole approfondire… Album dopo album le liriche si sono fatte più intimistiche a livello di tematiche, ma forse meno ermetiche nella forma e un po’ più schiette. Io sono ciò che scrivo e sono come canto, quindi ascoltate e leggete. A breve il nostro sito sarà arricchito di un’apposita sezione che racconterà le varie contaminazioni, influenze, referenze, non solo musicali, presenti in “In Your Blood”. Un tassello in più per decifrare il nostro mondo delle ombre… rimando i più curiosi a www.cadaveria.com e al nostro myspace ufficiale www.myspace.com/cadaveriaband

Come va con la Season Of Mist?
Bene. Come dicevo all’inizio è una label professionale e presente. Questo semplifica la nostra collaborazione con loro.

Tra un po’ partirete per un tour in Romania, come ti appresti a vivere questa nuova avventura?
Pare che all’estero ci sia molta aspettativa sui Cadaveria, quindi ci stiamo preparando al meglio per offrire uno spettacolo impeccabile. Saremo headliner in tutte le serate, quindi lo show durerà un’ora e mezza e sarà bello spesso. Spero che le distanze tra una venue e l’altra non siano eccessive, giusto per riuscire a dormire qualche ora… La prendo come se avessi vent’anni: rock’n’roll!

Avete in programma un tour nella Penisola?
Ci sono delle date fissate ma non ancora divulgate per marzo e altre per febbraio sono in via di definizione. Non si tratterà di un vero e proprio tour ma di un tot di date sparse nell’arco di 2-3 mesi. A parte questo speriamo di tornare all’estero per dei live prima dell’estate.

Con quali band vi piacerebbe dividere il palco?
Diciamo King Diamond/Mercyful Fate, ma non mi spiacerebbero nemmeno i Tool.

Qual è la più bella soddisfazione professionale che ti sei tolta in questi anni?
Continuare a divertirmi nel fare musica. Faccio quello che faccio prima di tutto per me stessa, ma posso condividere il mio mondo con migliaia di persone, che scopro essere sulla mia stessa lunghezza d’onda. Questa è una bella cosa.

C’è qualche cosa che non riferiresti?
No.

Ma quanto è rimasto della Cadaveria che muoveva i primi passi negli Opera IX?
Sono la stessa, ma un po’ cresciuta. Il cuore è sempre quello, ma la mente ha ricevuto nuovi stimoli e non pensa più in una sola direzione.

Quanti dei sogni che avevi in quel periodo sei riuscita a realizzare?
Non saprei. In realtà credo che i grandi sogni avremmo potuto realizzarli più avanti, ma non c’è più stata da entrambe le parti la volontà di perseguirli insieme.

Grazie di tutto. A te il compito di chiudere l’intervista…
Ok, ne approfitto per annunciare che la settimana prossima uscirà il video di “Anagram”, altro singolo tratto da “In Your Blood”. Tengo particolarmente a questo video perché ci abbiamo lavorato per mesi, dallo storyboard, alle locations, fino alle riprese e al montaggio. E’ un video “made in Cadaveria” pensato da me e Marcelo Santos, ma che ha visto il coinvolgimento di attori, performers e tante altre menti in movimento, che ringrazio per la splendida collaborazione. E’ il miglior video che abbiamo mai realizzato, quindi non perdetevelo! A presto e un saluto a tutti i lettori di Raw & Wild!

g.f.cassatella

Intervista originariamente pubblicata su www.rawandwild.com nel 2007 in occasione dell’uscita di “In Your Blood”.
http://www.rawandwild.com/interviews/2007/int_cadaveria.php

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...