Airborn – I segreti della lucertola

Gli Airborn finalmente hanno dato alle stampe la seconda parte del loro ambizioso concept su più album,”Lizard Secrets”. Il nuovo capitolo della saga si intitola “Lizard Secrets – Part Two – Age of Wonder” ed è stato pubblicato dalla Fighter Records il 10 dicembre 2020, in collaborazione Metal Underground Music Machine (#MUMMunderground) abbiamo contattato il cantante-chitarrista-tastierista della band Alessio Perardi.

Benvenuto Alessio, finalmente la seconda parte di “Lizard Secrets” è qui! Immagino che sviscerare un concept su due album sia stata una faticaccia, ma ora che anche “Age of Wonder” è stato pubblicato, ne è valsa la pena?
Innanzitutto, grazie a voi per questo spazio! Ne è valsa sicuramente la pena… “Lizard Secrets Part Two” è uscito da poco, ma sta già facendo breccia nel cuore dei fan e ha scatenato ottime reazioni. Il lavoro è stato lungo e chiaramente la pandemia e le restrizioni hanno complicato le cose. Fortunatamente però siamo riusciti a gestire la produzione in modo da far passare solo due anni fra la prima e la seconda parte. Avevamo molta fiducia in questo nuovo album e sta venendo ripagata con gli interessi!

Direi di iniziare, come nelle serie, con il riassunto delle puntate precedenti: ti va di fare un recap della prima parte dell’opera?
Il primo capitolo di “Lizard Secrets” è uscito nel 2018 e conteneva parecchi brani che sono già dei capisaldi della nostra scaletta live, come “Who We Are”, “Lizard Secrets”, “Wolf Child” e “Metal Haters.” Per molti versi questo nuovo progetto ci ha anche fatto conoscere a persone non ci avevano mai ascoltati prima.

Come si sviluppa, invece, la trama in questo secondo capitolo?
Il trucco di base nella serie Lizard è che si tratta di una trilogia di concept album, ma non strutturati come una rock opera in cui, da autore, sei costretto a seguire una trama. I brani sono legati più dalle tematiche e dallo stile che non da una storia, anche se piano piano si sta facendo spazio un filo conduttore dato dalla figura del Soultraveller che compare nella prima canzone di “Lizard 2”. Solo alla fine del terzo capitolo, si vedrà il quadro completo, ma niente spoiler per ora!

Quando avete iniziato a scrivere il concept, avevate già chiaro che il disco sarebbe uscito in più parti o solo lavorandoci su avete avvertito questa esigenza?
In principio il progetto era nato come un doppio CD da pubblicare tutto insieme, ma lavorandoci abbiamo riflettuto sul fatto che, dal punto di vista discografico e del lavoro, non era la scelta più azzeccata. Quando le canzoni imbastite hanno cominciato a diventare troppe abbiamo capito che la trilogia era la strada giusta e le nostre etichette hanno concordato in modo molto convinto e hanno caldamente supportato l’idea.

Come si fa a non perdere il filo quando si lavora in un arco temporale così ampio come è capitato a voi per “Lizard Secrets”?
Il piano generale era abbastanza ben definito all’inizio e molte canzoni già imbastite, quindi usando questo nocciolo duro è relativamente semplice mantenere la rotta. Il problema più grosso è sull’aspetto tecnico della produzione: inevitabilmente salta sempre fuori qualche nuova tecnica da sperimentare, qualche nuova strumentazione o software nel mio arsenale che possono migliorare il prodotto finale, perciò bisogna fare un bilanciamento fra l’innovazione e il non stravolgere la continuità di sound con il capitolo precedente. Credo che siamo riusciti nell’intento.

Sinora, ci siamo concentrati sulla parte concettuale, ma dal punto di vista musicale ci sono differenze tra i due capitoli, magari non avvertibili al primo ascolto?
Ritengo che “Age Of Wonder” sia un disco più ricco e vario rispetto alla parte uno. In verità credo sia il nostro disco più vario in assoluto. Ci sono i classici pezzi veloci e power come “Speed of Life”, “Edge of Disaster” e “Troubles”, ma anche deviazioni più melodiche come “Golden Rules” e “Age Of Wonder” o di heavy spinto come “Follow The Leader”. Ci sono anche una ballad, cosa che non facevamo più da tempo, “Condemned To Believe” e il pezzo più lungo e complesso della storia degli “Airborn: Star A Star”.

In considerazione del fatto che non avevate una vera e propria trama, i singoli pezzi sono stati concepiti individualmente e poi adeguati al canovaccio generale?
Come dicevo prima, il fatto di non avere una trama in senso stretto ci ha aiutato, tuttavia posso gettare la maschera e rivelare che alcuni pezzi sono stati scritti molti anni prima che la trilogia fosse concepita e inseriti in corso d’opera, principalmente perché calzavano a pennello. A volte scrivi canzoni che reputi di valore, ma che finiscono in secondo piano perché gli album hanno un limite di spazio e qualcosa devi sacrificare. Ho un archivio con molti brani incompiuti e lo rivisito volentieri, perché a volte aspettano solo il loro momento per brillare.

Vi è capitato di scrivere un pezzo molto valido, però fuori contesto, ma nonostante tutto l’avete inserito, magari variando un po’ la trama?
Beh, un caso evidente è “Troubles” che parla di fuorilegge nel 1700 in Inghilterra. Ovviamente sembra fuori contesto in una trilogia molto improntata sulla fantascienza, ma quella canzone ci piaceva talmente che non abbiamo esitato un momento ad inserirla.

E’ previsto un box unico, magari in edizione limitata, contente tutti gli album?
Non ne abbiamo ancor parlato ufficialmente con le nostre etichette, ma credo che con l’uscita del terzo capitolo, almeno sul nostro shop, daremo la possibilità di avere anche un box per contenere i tre album con un artwork speciale del nostro fido artista Trevor Storey. L’idea mi piace tantissimo e ci sto lavorando.

Cosa ci puoi anticipare sul terzo capitolo?
Non voglio sbilanciarmi troppo sulle date di uscita del terzo capitolo, perché di questi tempi tutto è incerto, però la produzione è già avviata e la maggior parte dei pezzi imbastita. Speriamo entro uno o due anni di poter concludere questo progetto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...