Mechanical God Creation – Un nuovo capitolo

Dopo una pausa di ben sei anni dal precedente “Artifact Of Annihilation”, i deathster Mechanical God Creation tornano sulle scene con “The New Chapter” (The Goatmancer Records), terzo album della loro discografia, che mette in luce le qualità tecnico/compositive dei nostri. Ne parliamo con la cantante Luciana.

Ciao Luciana, grazie e benvenuta su Il Raglio del Mulo, per prima cosa vorrei chiederti di come e quando è nata la band e quale significato si cela dietro il nome.
La band è nata nell’autunno del 2006 da un’idea mia e Simone, il vecchio chitarrista. Il nome rappresenta la deumanizzazione della società verso un universo sempre più tecnologico, con questo non vogliamo dire che siamo contro la tecnologia ma dell’utilizzo che delle volte ne viene fatto ed i successivi danni che può creare.

Posso chiederti come mai è passato tutto questo tempo dall’uscita del vostro precedente “Artifact Of Annihilation”?
E’ passato molto tempo perché abbiamo avuto dei cambi di line-up che hanno rallentato un po’ i lavori della del nuovo album, non bastasse questo abbiamo avuto anche qualche problema in studio di registrazione, abbiamo dovuto cambiare in corsa e portare il tutto da un’altra parte per fare mix e mastering.

Secondo te, a livello stilistico, quali sono le novità riguardanti “The New Chapter” e soprattutto, quali sono le differenze con le vostre precedenti release?
Le differenze con i precedenti lavori ci sono e si possono sentire, rispetto ad “Artifact” abbiamo scelto un sound più diretto ed un po’ più “old-school”.

Attualmente siete sotto contratto con la The Goatmancer Records, in che circostanze è nata la collaborazione con la label nostrana?
È nata perché loro erano interessati a lavorare con noi ed avendoci fatto un buona proposta abbiamo deciso di collaborare.

“The New Chapter” è caratterizzato da una produzione davvero potente ma anche chiara e cristallina, a chi vi siete rivolti per la buona riuscita dello stesso?
Il mix ed il mastering è stato fatto da Chris Donaldsson, chitarrista dei Cryptopsy, che aveva già lavorato con noi per “Artifact” e quindi è stato bello e facile lavorare di nuovo con lui.

Sperando di lasciarci al più presto possibile questo periodo alle spalle, ti chiedo se, una volta tornati alla “normalità”, avete in mente di suonare live oppure dedicarvi direttamente alla composizione di nuovo materiale? Puoi darci qualche informazione? Cosa bolle in pentola?
Superato questo momento vogliamo tornare a fare tutto soprattutto i live, a livello di composizione stiamo già buttando giù del nuovo materiale. Il nuovo album sarà nuovo in tutti i sensi, ci saranno delle novità senza mai tradire il brand Mechanical.

Quali sono le band che vi hanno “formato” dal punto di vista musicale? E quali sono quelle che, in un modo o nell’altro, fungono da “riferimento” per voi?
Le band che mi hanno formato sono anche quelle che mi fungono da riferimento, potrei citarne alcune come gli Slayer, Lamb of God, Cannibal Corpse, Emperor e tante altre.

Chi di voi si occupa della composizione dei brani?
Ci occupiamo tutti della composizione, di solito si parte da una idea e poi tutti insieme si lavora sul pezzo.

Per ciò che concerne i testi, quali sono gli argomenti di riferimento? Di cosa trattano?Nell’ultimo album abbiamo parlato di guerra, religione, stress post-traumatico, inquisizione e problemi della società, per il nuovo disco non abbiamo ancora deciso se affronteremo un concept album, idea che ci stuzzica, ma per il momento ci stiamo ragionando.

Ok, siamo giunti ai titoli di coda… Ti ringrazio molto per questa chiacchierata, concludi l’intervista come vuoi!
Non vediamo l’ora che questo incubo mondiale finisca per poter tornare a fare quello che amiamo fare, per noi musicisti è stata una bella prova perché ha eliminato tutte quelle che erano le nostre certezze.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...