The Ocean – Benvenuti nel Precambriano

I The Ocean hanno pubblicato uno degli album migliori del 2007. “Precambrian”, infatti, è stato premiato con voti altissimi dai magazine e dalle webzine di mezzo mondo. Non potevamo lasciarci sfuggire l’occasione di scambiare quattro chiacchiere con Robin Staps, il vero padre e padrone del “collettivo” The Ocean.

Ciao Robin, andrebbe di presentarci la band?
I The Ocean sono un vasto universo sonoro formato da molte componenti che includono i tipici strumenti rock quali batteria, basso, chitarre e voce, ma anche strumenti “classici” come archi, fiati, videoproiettori e giochi di luce. Se dovessi descrivere la nostra musica avrei delle difficoltà perché spaziamo da canzoni brevi e furiose a composizioni lunghe e “orchestrali”. Qualcuno ha descritto il nostro sound come “cinematografico” e io credo che in qualche modo questo sia esatto.

Delle vostra predente produzione cosa puoi dirci?
Abbiamo pubblicato un CD strumentale di debutto intitolato “Fogdiver” nel 2003, seguito da “Fluxion” nel 2004′. “Fluxion” ha visto l’introduzione della voce e aveva un mucchio di canzoni epico-orchestrale grazie agli strumenti a corda, ai fiati e alle sezioni di ottoni. Nel 2005 abbiamo firmato per la Metal Blade Records e rilasciato il nostro terzo album “Eolie”. Questo è stato un passo indietro con il ritorno a una formazione ridotta con batteria, basso chitarre, voce. Un album molto pesante e furioso. Con il nostro nuovo album “Precambrian” abbiamo praticamente ripercorso tutta l’intera gamma sonora degli album precedenti.

Complimenti, credo che “Precambrian” sia uno dei migliori album del 2007. Come lo descriveresti?
“Precambrian” è un opulento viaggio sino al principio dei tempi della durata di 84 minuti.

Quando avete iniziato a scriverlo?
Nell’estate del 2005. Ci sono voluti quasi due anni per completarlo.

E come è stato accolto?
In maniera grandiosa! E’ stato votato “album del mese” su ben cinque giornali europei e ha ricevuto commenti positivi sia dai fan che dagli ascoltatori.

Come nasce una vostra canzone?
“Precambrian” è musica al 100% . Io scrivo tutta la musica nel mio laboratorio, a casa, con l’aiuto delle mie macchine. Registro ogni canzone e la suono ai miei ragazzi. Discutiamo e lavoriamo su di esse, ma alla fine il risultato di solito è molto vicino alle pre-produzioni, in termini di parti e arrangiamenti. Più strati vengono aggiunti man mano che si va avanti con la produzione. A volte, qualcuno di noi suona in studio le proprie idee, ma queste per lo più sono focalizzate sul proprio strumento, senza quindi che si abbia un’idea globale di come possa essere il brano con tutti gli altri strumenti. Questo vale finché l’album non è concluso… In ambito creativo, in un certo senso, siamo una one-dimensional band, una one-man-project… E tutti sappiamo che se fosse stato diverso, non ci sarebbe stato alcun album come “Precambrian”. Non è il tipo di album che si ottiene lavorando tutti in sala prove! Prova solo ad immaginare che cosa sarebbe successo se i 26 musicisti si fossero messi a jammare e a discutere… Non avrebbe funzionato. La gente con cui sto lavorando ora è d’accordo alla fine con il fatto che io sia il despota creativo. Alcuni di loro hanno altre bande dove realizzare le proprie visioni creative. È grande poter lavorare con musicisti che vogliono fare la loro parte all’interno di uno schema, senza smanie di protagonismo in ogni canzone.

Il vostro suono mi ha ricordato band quali Neurosis, Tool, Messhugah…
Apprezzo queste band, ma non credo che i T.O. suonino come alcune di loro…

Cosa puoi dirmi sul concept di “Precambrian”?
Il Precambriano è stato il primo capitolo dell’evoluzione del pianeta terra. Esso è suddiviso in due epoche: Adeano/Archaean e Protozoico. I due dischi portano questi nomi. Queste epoche sono ulteriormente suddivise in periodi geologici, che funzionano come canzone/titoli. Quindi, il concetto si evolve intorno ai primi giorni della madre terra, che è stato poi un terrificante luogo privo di vita e pieno di zolfo attraversato dai rossi flussi di lava incandescente … Durante il Proterozoico la terra cominciò a raffreddarsi un po’, l’atmosfera iniziò a formarsi e le prime forme di vita semplice fecero la loro comparsa. Questo si riflette nella musica: l’Adeano / Archaean è la parte del disco più cruda e brutale. Quasi una continua ‘Eolie’ tanto è sinistro, con una strumentazione di base di batteria, basso, chitarra e voce. Il Proterozoico è la parte del disco più complessa, più morbida, ancora pesante a volte, ma con tanti momenti atmosferici che danno all’ascoltatore spazio per respirare tra le “eruzioni”.

I testi sono stati influenzati dall’opera del proto-surrealista Lautréamont…
Lautreamont ha avuto un’enorme influenza sui testi di questo album. Il suo ‘Chants di Maldoror’ è probabilmente la più eclatante e inesorabile “war with words” nella quale abbia sbattuto il naso. È così pieno di dispetto, la passione, l’ironia oscura e odio profondo per l’uomo e le sue virtù… così mi è parso che questo album potesse essere la colonna sonora per il Chants … Quindi è stato naturale cercare di adattare alcune di quelle parole blasfeme alla musica e ho finito per avere due canzoni che sfruttano esclusivamente interi passaggi del “Chants’: Mesoarchaean / Legions of Winged Octopi” e “Neoarchaean / To Burn The Duck of Doubt”, entrambi su “Hadean / Archaean”. Altri riferimenti sono più qua e là nel cd. Inoltre, il libretto di “Proterozoic” contiene delle citazioni tratte dal “Chants”, alcune di loro contengono grandi metafore oceaniche: “Tu ci sarai nella mia ultima ora e mi trovai circondato da sacerdoti. Voglio morire cullato dalle onde del tempestoso mare”.

L’artwork è splendido…
E’ stato sviluppato intorno al concetto di ‘Precambriano’. Mostra immagini di lava e roccia basaltica lavorate con diverse tecniche di stampa speciali che sfruttano colori metallici e vernice UV brillante. Il digipak è costituito da due strati: lo strato superiore è bucato e quando si fa scorrere la diapositiva del libretto sottostante si ha l’impressione di vedere lava incandescente rosso attraversare il foro. Il packaging è stato non solo costoso, ma estremamente difficile da ottenere e ha richiesto tempi lunghi per la produzione. Ci siamo scambiati mail contenenti le bozze avanti e dietro un intero mese. Alla fine, per ottenere l’involucro che avevamo ideato è stato necessario utilizzare due fabbriche in Cina, in Europa nessuno era in grado di produrlo. Come se non bastasse la pellicola UV lucida ha causato ulteriori problemi con alcune sottili linee… In breve, è stata una catastrofe. Ma visto il risultato, alla fine n’è valsa la pena. I ragazzi della Metal Blade mi hanno detto che non avevano mai visto nulla di simile prima. Non posso dargli torto! Un ringraziamento va a Martin Kvamme, il designer!

Soddisfatto del lavoro svolto dalla MetalBalde?
Sì, hanno fatto un ottimo lavoro

Piani per un eventuale tour?
Saremo di nuovo in tour praticamente tutto il mese di marzo e quello di aprile 2008. Sarà il nostro primo tour da headliner e saremo in compagnia di Rotten Sound, Victims and Coldworker. Un “pacchetto” inusuale, ma ancora una sfida per noi dal momento che siamo diversi dalla altre band. Vedremo come andrà con i fans dei Rotten Sound. Il tour toccherà la Grecia per un paio di spettacoli, poi una settimana intera la Francia nel mese di aprile. Poi toccherà all’est Europa e a gli USA. Tutto si concluderà con l’Hellfest …

Le ultime parole famose…
Correte a comprare “Precambrian”. Supportate le band e i musicisti che pongono particolari attenzioni nella cura dell’artwork, acquistando i loro cd. Non vi accontentate di scaricare dei semplici dati da un pc. Grazie.

Intervista originariamente pubblicata su www.rawandwild.com nel 2008 in occasione dell’uscita di “Precambrian”
http://www.rawandwild.com/interviews/2008/int_ocean.php

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...