Black Phantom – L’ora del Fantasma Nero

Ospite ad Overthewall, Andrea Tito, leader e portavoce dei Black Phantom, autori in questo 2020 del secondo album, “Zero Hour Is Now” (Punishment 18).

Andrea, grazie di essere qui con noi, i Black Phantom sono un tuo progetto musicale sorto in un periodo di pausa con i Mesmerize, band di cui sei principale autore e compositore. Com’è nata quest’idea?
Il progetto è nato nel 2014, proprio al termine del tour relativo all’ultimo disco dei Mesmerize, “Paintropy”. Alla fine del periodo dei concerti eravamo un po’tutti stanchi, sia mentalmente che fisicamente, perché tra la composizione, la registrazione e la promozione del disco, erano passati due anni davvero molto intensi: abbiamo quindi deciso di prenderci una pausa da tutte le attività. Io però non sono un tipo che riesce a stare con le mani in mano, e quindi ho approfittato di quel momento di tempo libero per tirare fuori dal cassetto una manciata di brani che avevo scritto e messo da parte nel corso degli anni, che per un motivo o per un altro non erano mai stati pubblicati. Ho reclutato una serie di amici per registrare e portare alla luce queste canzoni. Quello che però era nato unicamente come progetto solista con un scopo ben specifico, in pochissimo tempo, visto il divertimento e l’affiatamento che si era creato tra noi, è diventato, praticamente fin da subito, un gruppo vero e proprio! Abbiamo affinato quelle canzoni, realizzato il primo disco, pubblicato dall’etichetta Punishment 18 Records, e successivamente fatto una buona serie di concerti live, che hanno ulteriormente rafforzato la nostra band: da lì sono nate poi le canzoni per il secondo disco, che abbiamo registrato l’anno scorso, ed ora eccoci qui con il nuovo album!

Hai parlato di una serie di amici coinvolti, ti va di citare la line up completa?
Ma certamente! Oltre al sottoscritto al basso, c’è il nostro cantante Manuel Malini; alle chitarre troviamo Luca Belbruno (già mio sodale nei Mesmerize) e Roberto Manfrinato; alla batteria c’è invece Ivan Carsenzuola, che è subentrato ad Andrea Garavaglia poco dopo la pubblicazione del primo disco, e quindi già con noi da tre anni.

A distanza di tre anni dal vostro primo disco, accolto molto bene da pubblico e critica, ecco “Zero Hour Is Now”, sempre su Punishment 18: ci parli di questo nuovo capitolo della vostra storia?
Volentieri! Con questo nuovo album volevamo confermare quanto di buono avevamo già messo in campo con il primo disco, alzando ulteriormente l’asticella sfruttando l’amalgama che si era creata tra noi grazie ai numerosi concerti effettuati. Devo quindi dire che l’affiatamento è davvero notevole, e reputo che anche la performance personale di qualcuno di noi, con questa maggiore esperienza, sia anche migliorata: penso, uno su tutti, al nostro cantante Manuel, che sul nuovo album ha offerto una prestazione davvero super, sia sotto l’aspetto esecutivo che interpretativo! Le recensioni – ad oggi oltre sessanta, da tutto il mondo – che abbiamo ricevuto sono state estremamente positive: ancora una volta è stata riconosciuta la nostra genuinità, e la indubbia passione che abbiamo nei confronti dell’Heavy Metal tradizionale! Quella che ci manca, a questo punto, è l’accoglienza del pubblico… per gli ovvi motivi che tutti sappiamo!

L’artwork della copertina richiama quella del disco precedente, chi è l’autore e questo “Fantasma Nero” è ormai la mascotte della band?
Sì, siamo rimasti talmente soddisfatti della copertina del primo album, che la scelta di affidare la nuova illustrazione al medesimo artista è stata scontata. Il disegnatore è Snugglestab, è moldavo, e l’ho scoperto a suo tempo navigando su internet: potenza della rete! Il suo stile mi ha affascinato fin da subito, perché stavo cercando qualcosa proprio in quello stile: spaventoso ma fumettistico, e soprattutto in classico stile Heavy Metal! Come hai notato, il protagonista dell’artwork è sempre il Fantasma, la nostra mascotte (alla quale peraltro non abbiamo ancora dato un nome!), che riprendendo il concetto del tempo richiamato dal titolo del disco, reca in mano una clessidra ammaccata, che non contiene sabbia bensì tanti piccoli fantasmi e creature maligne! Il tutto, con una dovizia di particolari del protagonista: davvero ben fatta! Anche stavolta, quindi, grazie a Snugglestab siamo riusciti a dare una bella “confezione” alle nostre canzoni!

Quanto è importante per voi la dimensione live? Vi trovate meglio sul palco o in studio di registrazione?
Sai, non essendo più noi “di primo pelo”, come si suol dire, ci troviamo bene in entrambe le situazioni, e riusciamo a tirare fuori il meglio da entrambi i contesti. Registrare in studio può essere talvolta stressante, ma è sicuramente appagante da un punto di vista creativo: veder nascere, formarsi e concretizzarsi una cosa che solo fino a poco prima era soltanto un’idea nella nostra testa, è assolutamente qualcosa di splendido! Quella rimane comunque una soddisfazione intima: ovviamente però l’aspetto live, che ti offre quindi un riscontro istantaneo da parte della gente che ti ascolta, è un’esperienza molto più divertente ed immediata!

Alla luce di questo, quanto il Covid 19 vi ha penalizzato nella promozione del nuovo album? Come vi state muovendo?
Dunque, fatte le debite proporzioni con i disastri VERI che il Coronavirus ha causato e sta tuttora causando alle vite di tutto il pianeta, devo ammettere che ci ha penalizzato, ed anche parecchio! Il nostro disco è uscito esattamente all’inizio del lockdown, e per questo motivo siamo stati costretti ad annullare ben nove concerti già fissati per i tre mesi successivi alla pubblicazione: come ben puoi immaginare, questo ci ha portato un danno economico tangibile, mancandoci completamente le entrate dei concerti e sopratutto le vendite del nostro disco al banchettoi. Ovviamente appena sarà possibile cercheremo di recuperare un minimo questa brutta situazione, anche se indubbiamente non potrà essere la stessa cosa!

Ci vorranno altri tre anni per avere un nuovo disco dei Black Phantom? State preparando qualcosa di nuovo?
Guarda, ovviamente (e l’abbiamo appena visto con il discorso pandemia!) il futuro è imprevedibile, quindi non è proprio il caso di sfidare la sorte! Da parte nostra, peraltro, siamo abbastanza certi che passerà meno tempo, soprattutto perché, nella totale assenza di impegni concertistici, ci siamo totalmente dedicati alla composizione di nuovi brani… e devo ammettere che ci siamo anche un po’ fatti prendere la mano, visto che ad oggi ne abbiamo già fatti ben venti, di cui quindici già completi di testo! Siamo effettivamente parecchio avanti sotto questo aspetto, ed è davvero una bizzarria: pubblicare il secondo disco ed avere allo stesso tempo già il materiale per il terzo ed il quarto è qualche cosa che davvero non si è mai vista! Ahah!

Dove i nostri ascoltatori possono seguirvi?
Sono due i siti che suggerisco loro: il primo è ovviamente la nostra pagina ufficiale su Facebook, al link https://www.facebook.com/bewaretheBP/. Lì potranno trovare tutte le news che ci riguardano, con musica, foto, recensioni ed interviste. Siamo piuttosto attivi sotto questo aspetto, cerchiamo di aggiornare la pagina con nuovi contenuti almeno una volta ogni due giorni. Il secondo link che vi lascio, e che peraltro è il più importante, è quello relativo al nostro web-store: https://blackphantom.bigcartel.com . Lì avranno la possibilità di acquistare direttamente da noi i nostri album ed il nostro merchandise… cosa per la quale ringraziamo anticipatamente: il loro supporto in questo momento estremamente difficile è particolarmente apprezzato!!

Grazie di essere stati con noi!
Grazie a voi per lo spazio che ci avete riservato…e speriamo di poterci rivedere prestissimo in occasione di qualche concerto!

Trascrizione dell’intervista rilasciata a Mirella Catena nel corso della puntata del 4 Giugno 2020 di Overthewall. Ascolta qui l’audio completo:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...